Centenaria telefona al sindaco per farsi accompagnare al seggio

0
13

Centenaria da pochi
giorni ha deciso di telefonare al sindaco della sua città per
farsi accompagnare al seggio e poter votare. La signora Rosetta
Ierovante, viste le difficoltà incontrate per poter andare ad
esprimere il voto, ha deciso di contattare il sindaco di Cassano
allo Ionio Giovanni Papasso, Comune non interessato alla tornata
amministrativa. Un invito accettato di buon grado dal primo
cittadino che si è recato a casa dalla signora per prelevarla e
accompagnarla al seggio per espletare il proprio diritto al voto
per le europee.

   
“Il voto ha commentato Papasso è un diritto sacrosanto,
una conquista che non bisogna mai sottovalutare. Una vittoria
arrivata dopo anni di lotte e che ha lasciato anche tanti morti
sul campo. Ringrazio la signora Rosetta per la chiamata e per la
richiesta che mi ha fatto stamattina e che mi ha reso felice sia
per la fiducia riposta in me e nel ruolo che ricopro sia,
soprattutto, perché spero che nonna Rosetta possa rappresentare
un esempio per tutte le nuove generazioni perché come diceva
Paolo Borsellino, con una frase forse troppo spesso abusata al
giorno d’oggi, il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale
con la matita in mano”.

   
“E Rosetta ha concluso il sindaco è il simbolo più
lampante di questa voglia di poter esercitare il proprio diritto
anche a cento anni d’età. Bisogna andare a votare, andiamoci
tutti, per cambiare il destino nostro, dell’Italia e
dell’Europa”.

   

ANSA