Donna uccisa al Prenestino, il dolore di parenti e amici. Don Coluccia: “A Roma vita banalizzata”

0
30

“Un dolore troppo forte. Una tragedia che poteva capitare a chiunque, siamo sconvolti”. Patrizia, i capelli raccolti in fretta e gli occhi lucidi, racconta all’Adnkronos la sofferenza che l’ha travolta. La madre Caterina Ciurleo, giovedì pomeriggio è stata centrata da un proiettile indirizzato a qualcun altro ed esploso in pieno giorno in via Prenestina, dove lei si trovava insieme a una amica, in macchina. Nell’abitazione sulla Casilina dove la vittima viveva insieme alla famiglia di una delle sue due figlie, questa mattina c’è un via vai di amici e conoscenti, corsi a portare le loro condoglianze. “Non riesco a parlare dice ancora Patrizia la sofferenza è troppa”.

Pochi minuti dopo, in casa arriva anche Mauro, il genero della vittima. “Mia suocera era una brava donna e una brava nonna. Aveva quattro nipoti che adorava”, dice all’Adnkronos. “Era una donna per bene, una nonna per bene continua Al momento non ci hanno ancora detto quando potremo farle il funerale”. Il dolore per una morte assurda, nella strada dove Caterina Ciurleo viveva, è forte. “Nella nostra palazzina non si parla d’altro. Roma ormai è questa: un far west, pure in pieno giorno. Quando ho sentito la notizia al telegiornale, personalmente sono rimasta sconvolta, immagini quando ho saputo che si trattava di Caterina” dice all’Adnkronos una inquilina della stessa palazzina sulla Casilina dove Caterina Ciurleo viveva insieme alla famiglia della figlia. “Si sono trasferiti qui da non molto tempo racconta la donna ma sono persone per bene, lei era sempre così gentile ed educata. Che tragedia, non è più nemmeno questione di dove si scelga di abitare, la città è tutta pericolosa, non c’è rispetto per niente e nessuno. Si spara in strada, tra la gente, e a morire sono sempre gli innocenti”.

“In questa città la vita viene banalizzata. Questa donna, questa cara mamma e nonna, è morta perché un proiettile vagante l’ha colpita. Era di passaggio, lo dobbiamo evidenziare, una normale cittadina che insieme a una amica esce per una passeggiata al centro commerciale e si ritrova invece in mezzo a una sparatoria tra due bande che cercano di controllare il territorio. Il tema è proprio questo, a Roma si spara troppo facilmente, si banalizza la vita” aggiunge all’Adnkronos don Antonio Coluccia, tra i primi ieri a portare le condoglianze, insieme al presidente del VI Municipio Nicola Franco, alla famiglia di Caterina Ciurleo. (di Silvia Mancinelli)