Palermo, sequestrata la ‘palestra antiracket’ di Valeria Grasso

0
87

(Adnkronos) – Sequestrata dal Tribunale di Palermo la ‘palestra antiracket’ della imprenditrice Valeria Grasso, paladina dell’antimafia che denunciò i suoi estorsori e che è stata più volte insignita di premi per le sue denunce. Secondo gli inquirenti la donna avrebbe occupato per anni abusivamente i locali, confiscati anni prima alla criminalità organizzata. Il decreto di sequestro preventivo è stato firmato dal gip di Palermo Ivana Vassallo che ha accolto la richiesta della Procura guidata da Maurizio de Lucia. Da questa sera sul cancello della palestra di via Dominici 27A è stato sistemato un cartello con la scritta: “Questo manufatto è stato posto sotto sequestro preventivo e messo a disposizione del Tribunale di Palermo”. A condurre le indagini è stata, su delega della Procura, la Polizia Municipale. Nella nota del 7 dicembre del 2023 della Polizia municipale sono emersi, come si legge nel provvedimento visionato dall’Adnkronos, “gravi indizi in merito al reato ex articolo 633 e 639 bis (invasione di terreni demaniali) da parte dell’indagata”, Valeria Grasso.