Sei mesi di guerra contro Hamas, Israele “senza exit strategy né piani per il futuro”

0
52

(Adnkronos) – A sei mesi dall’inizio della guerra a Gaza “la pazienza degli alleati di Israele si sta esaurendo. Mentre il bilancio delle vittime nell’enclave continua a salire, diventa sempre più chiaro che Israele non ha un piano realizzabile su come porre fine alla guerra o su cosa verrà dopo”. Inizia così l’analisi di Ivana Kottasova, che per la Cnn traccia il bilancio della strategia dello Stato Ebraico dal 7 ottobre ad oggi. Una strategia che sembra essere poco efficace, tra obiettivi mai raggiunti e il rifiuto di Netanyahu a cambiare rotta. 

La determinazione nel continuare a perseguire Hamas a Gaza nonostante le orribili conseguenze umanitarie, si legge ancora, sta lasciando Israele “sempre più isolato sulla scena globale”, con il suo governo che deve far fronte a pressioni da tutte le parti. “Molteplici organizzazioni internazionali hanno avvertito che Israele potrebbe commettere un genocidio e anche i più stretti alleati del paese stanno ora criticando apertamente il primo ministro Benjamin Netanyahu. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito crescono le richieste di fermare le spedizioni di armi verso Israele. Allo stesso tempo, Netanyahu e il suo governo sono sottoposti a crescenti pressioni in patria, con i manifestanti tornati in strada in gran numero per chiedere le sue dimissioni”, spiega Kottasova. 

Israele ha lanciato la guerra subito dopo i mortali attacchi terroristici del 7 ottobre da parte di Hamas. All’epoca, il governo israeliano aveva affermato che l’operazione aveva due obiettivi: eliminare Hamas e riportare a Gaza gli ostaggi presi dai militanti. Ma, nota la Cnn, a sei mesi dall’inizio del conflitto, nessuno dei due obiettivi è stato raggiunto. 

Infatti, mentre le Forze di Difesa Israeliane affermano di aver ucciso migliaia di combattenti di Hamas, la maggior parte dei massimi dirigenti del gruppo a Gaza, incluso Yayha Sinwar, continua a sfuggirgli, e i leader politici di Hamas si trovano all’estero. Più di 100 ostaggi sono stati liberati, scambiati con palestinesi detenuti nelle carceri israeliane come parte di un accordo di tregua con Hamas alla fine di novembre. Ma circa 130 ostaggi, di cui 99 che si ritiene siano ancora vivi, rimangono a Gaza. 

Nel frattempo, il bilancio della guerra nella Striscia “è orrendo: più di 33.000 persone, tra cui migliaia di bambini, sono state uccise dal 7 ottobre secondo il Ministero della Sanità di Gaza. Oltre a ciò, circa 75.000 persone sono rimaste ferite e più di un milione sono sull’orlo della fame, affrontando quella che le organizzazioni internazionali definiscono una carestia ‘imminente’. 

“Penso che (la guerra) abbia già superato di gran lunga le aspettative di chiunque in termini di durata, intensità, portata e mortalità, e non c’è fine in vista”, ha affermato alla Cnn Khaled Elgindy, membro senior e direttore del Programma su Palestina e Israele presso il Middle East Institute. 

Eppure, nota la Cnn, Netanyahu si rifiuta di cambiare rotta. “Sebbene abbia promesso di consentire maggiori aiuti a Gaza a seguito di un ultimatum del presidente degli Stati Uniti Joe Biden questa settimana” il premier israeliano “ha respinto le richieste di un cessate il fuoco umanitario e di un ripensamento del suo piano per invadere Rafah, la città meridionale di Gaza dove si trovano più di un milione di persone”. “Non esiste un piano praticabile per il futuro di Gaza, non solo per il giorno dopo, ma anche per oggi. Nessuno sa quando finirà questa guerra, come finirà”, ha detto ancora Elgindy alla Cnn. 

Diversi esperti hanno inoltre spiegato alla Cnn che Israele si trova ad affrontare una situazione impossibile perché l’obiettivo che si è prefissato – eliminare Hamas – è irraggiungibile. Perché? Perché l’organizzazione terroristica è molto popolare a livello nazionale. Hamas, infatti, ha dominato Gaza sin da quando ha preso il potere nel 2007 controllando tutti gli organi governativi e di sicurezza, nonché i sistemi sanitari, educativi e sociali. 

“Israele non può raggiungere il suo obiettivo dichiarato di eliminare Hamas, perché Hamas è parte integrante della società palestinese in Cisgiordania e Gaza. La sua popolarità è aumentata negli ultimi mesi”, ha spiegato quindi Nathan Thrall, un esperto del conflitto arabo-israeliano. 

“Dopo che Israele ha dichiarato di aver sconfitto Hamas nel nord, ogni settimana i soldati israeliani muoiono nel nord, quindi è evidente che Hamas continuerà ad esistere dopo questa guerra, sia che Israele invada Rafah sia che non invada Rafah. Hamas è una grande potenza sul campo e rimarrà tale anche alla fine di questa guerra”, ha affermato. Ciò significa che i leader israeliani non hanno una via d’uscita praticabile dal conflitto, ha spiegato Thrall. 

“Le opzioni realistiche di fronte a loro sono continuare ad occupare Gaza indefinitamente, cosa che la maggior parte degli israeliani non vuole fare, o, in alternativa, lasciare Gaza e far sì che Hamas sia la potenza più forte sul terreno, indipendentemente dal fatto che sia o meno il volto ufficiale del paese”, ha detto ancora alla Cnn. 

Elgindy ha anche sottolineato che l’obiettivo di distruggere Hamas non è mai stato realistico. “Penso che anche i funzionari americani si rendano conto, tardivamente, che è una totale follia” così come “permettere che l’orrore continui, come se l’obiettivo di distruggere Hamas fosse più importante di qualsiasi altra cosa al mondo, inclusa la sicurezza futura di Israele”. Il perché, secondo Thrall, è presto detto: “Ora ci sono 30.000 persone morte, 17.000 orfani… quale sarà la loro visione di Israele e degli Stati Uniti quando cresceranno?”, si chiede. 

Prima degli attentati del 7 ottobre, spiega ancora la Cnn, “Israele era un paese politicamente diviso, paralizzato da mesi di proteste su larga scala contro Netanyahu e il suo governo, il più di destra della storia di Israele, e in particolare dalla proposta di revisione giudiziaria del primo ministro. Ma mentre permangono queste divisioni politiche, la stragrande maggioranza degli israeliani sostiene la guerra a Gaza, nonostante la protesta internazionale per l’impatto devastante sui civili palestinesi”. 

“L’opinione pubblica israeliana è ancora traumatizzata dal 7 ottobre, è ancora in modalità vendetta, alcuni non vogliono che entri nemmeno il cibo. Anche se non accettiamo che sia giusto, possiamo capire qual è il loro stato d’animo”, ha detto quindi Elgindy, aggiungendo che, sebbene comprensibile considerati gli orrori degli attacchi terroristici del 7 ottobre, questa mentalità non dovrebbe influenzare la politica internazionale: “Non possiamo permettere che questo stato d’animo detti le politiche degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Unione Europea. È necessario che gli adulti dicano ‘questo non è accettabile; non puoi usare la fame come arma’. In altre parole, non importa che l’opinione pubblica israeliana non sia dell’umore giusto per fermare questa guerra. Bisogna imporglielo”. 

Harel Chorev, ricercatore senior presso il Centro Moshe Dayan per gli studi mediorientali e africani dell’Università di Tel Aviv, ha quindi spiegato alla Cnn che la mancanza di un piano concreto da parte di Israele sta danneggiando sempre più le sue relazioni con i suoi alleati. “I nostri amici – America in primis, Gran Bretagna, Germania, Francia – non si fidano del governo, che sanno quello che fanno, che hanno un piano strategico per il futuro; non si fidano di noi per fare la cosa giusta”, ha sottolineato. 

Netanyahu ha svelato il suo piano per un futuro di Gaza dopo Hamas alla fine di febbraio, chiedendo la “completa smilitarizzazione” dell’enclave palestinese e la chiusura del confine meridionale del territorio con l’Egitto, nonché la revisione dell’amministrazione civile e dei sistemi educativi della Striscia. Ha inoltre respinto qualsiasi pressione da parte della comunità internazionale per il riconoscimento di uno Stato palestinese. Ma molte delle proposte sono state direttamente contrastate dai principali attori al tavolo delle trattative, tra cui Stati Uniti, Egitto ed Emirati Arabi Uniti. 

Allo stesso tempo, “Israele continua a rifiutarsi anche solo di prendere in considerazione altre proposte per il futuro di Gaza”, ha spiegato ancora alla Cnn H.A. Hellyer, ricercatore associato senior in studi sulla sicurezza presso il Royal United Services Institute (RUSI) di Londra. 

“Ci sono molti piani credibili, ma nessuno di essi è realizzabile, francamente, a causa di un ostacolo” cioè “gli israeliani” che “hanno reso molto chiaro che intendono avere il pieno controllo della sicurezza sull’intero territorio, il che ovviamente getta una chiave inattuabile nel funzionamento di qualsiasi piano che cerchi di delegare l’autorità a qualsiasi altra entità”, ha detto. 

Netanyahu ha precedentemente respinto anche l’ipotesi che l’Autorità Palestinese, che amministra parti della Cisgiordania occupata, possa assumere il controllo di Gaza, sebbene il piano delineato a febbraio non ne faccia menzione. Il piano prevede invece che siano “enti locali” a gestire il servizio civile. Una previsione lasciata “volutamente vaga e che può essere interpretata in vari modi. Possono essere gruppi locali, come alcuni lo hanno interpretato, ma può essere interpretato anche come un’Autorità Palestinese rivitalizzata”, ha detto Chorev. 

“Molto probabilmente ciò che accadrà è che ci sarà una presenza militare israeliana sul terreno a tempo indeterminato”, ha detto Elgindy. Si avrà un qualcosa come un crollo della legge e dell’ordine e sempre più caos. Quindi vedremo signori della guerra, bande, clan… Gaza è diventata un luogo non realmente vivibile. Se c’è qualcuno là fuori che crede che questa sia una situazione che porterà sicurezza e protezione agli israeliani, è un concetto completamente delirante”, h atuonato. Le proposte per stabilire un controllo di sicurezza internazionale temporaneo su Gaza non sono realizzabili data la posizione di Israele, dicono quindi gli esperti interpellati dalla Cnn. 

“Se Israele ammettesse di essere una potenza occupante che ha bisogno di ritirarsi, proprio come insiste la quasi totalità della comunità internazionale, e di non rivendicare i diritti di controllo della sicurezza sul territorio in violazione del diritto internazionale, allora si potrebbe avere qualcosa è simile alla KFOR in Kosovo, una forza internazionale come transizione affinché i palestinesi si assumano la responsabilità del territorio”, ha detto quindi Hellyer, riferendosi alla forza di mantenimento della pace guidata dalla Nato che opera in Kosovo. 

Thrall ha anche affermato che la maggior parte dei tentativi di trovare piani alternativi non sono realistici a causa della posizione di Israele, piani che “richiederebbero di esercitare un’enorme pressione su Israele” mentre spiega che “chiunque potenzialmente sostituisca Netanyahu come primo ministro probabilmente proporrebbe piani simili” a quelli del primo ministro israeliano. 

Benny Gantz, che questa settimana ha chiesto elezioni anticipate ed è ampiamente considerato un probabile successore di Netanyahu, se e quando gli israeliani voteranno, è un membro del governo di guerra di Netanyahu e “non ha idee significativamente diverse per Gaza o per il futuro di Israele, Palestina o per la sovranità palestinese.