“Situazione migliorata ma procedure per tamponare emergenza”

0
57

Con le vacanze estive alle porte, Altroconsumo ha verificato la situazione del rilascio e rinnovo del passaporto per gli italiani che si preparano ad andare all’estero. A distanza di 5 mesi dall’inchiesta di novembre, la situazione è migliorata. In questi ultimi mesi, dopo due anni di caos e disagi per i cittadini, sono stati adottati due provvedimenti che potrebbero dare una svolta al sistema di rilascio e rinnovo dei passaporti rendendolo più veloce ed efficiente, l’agenda prioritaria e la possibilità, da luglio, di fare il passaporto anche negli uffici postali di tutta Italia per portare a un alleggerimento della pressione sulle Questure. “Si confermano comunque in generale procedure solo d’urgenza sottolineano da Altroconsumo per provare a tamponare la situazione, mentre sarebbe necessario per i cittadini poter contare su soluzioni strutturali e non sulla solita ‘normalizzazione’ dell’emergenza che scarica su tutti il costo di queste decisioni”.

Le ultime rilevazioni di Altroconsumo sui tempi di attesa per il passaporto sono state effettuate il 30 aprile e hanno coinvolto 19 città (Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Cagliari, Catania, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Pordenone, Potenza, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trento). Provando a prenotare un appuntamento per il rilascio sulla piattaforma ministeriale che fornisce le disponibilità presso i commissariati presenti all’interno della provincia, è apparso subito chiaro un netto miglioramento della situazione. Mentre a novembre scorso le città con un’attesa superiore a 150 giorni erano ben 4, ora ce n’è soltanto una (Pordenone). Inoltre, mentre a novembre 2023 le città in cui non era possibile trovare disponibilità di appuntamenti erano addirittura 6, oggi ce n’è solo una (Bergamo). In 8 città su 19 poi, l’attesa per il primo appuntamento è contenuta entro i 10 giorni.

Le città più problematiche risultano essere Pordenone, con 244 giorni di attesa, seguita da Cagliari e Milano, rispettivamente con 127 e 100 giorni. La città più virtuosa è Pescara, dove il primo appuntamento è disponibile addirittura dopo 2 giorni, ma molto bene si piazzano anche Bolzano, Perugia e Potenza con appuntamenti dopo 6 giorni, Catania con 7 giorni e Ancona con 8. Se il nodo delle tempistiche sembra dunque in via di risoluzione, resta invece il tema dei costi, che risultano molto elevati (116 euro per rilascio o rinnovo): il passaporto italiano è infatti tra i più costosi in Europa superato solo dal Portogallo. Per questo Altroconsumo ha lanciato una petizione per chiedere alle istituzioni di attivarsi non solo per accorciare i tempi, ma anche per ridurre i costi per ottenere il passaporto (maggiori dettagli a questo link), sarebbe inoltre utile attivare anche i Comuni per il rinnovo o rilascio del documento.

“Nella nostra nuova inchiesta abbiamo rilevato un primo miglioramento dei tempi di attesa. Una rondine però non fa primavera. Criticità e lunghi tempi di attesa restano infatti nelle grandi città, come Milano, Torino e Bologna. Vedremo se le misure ora introdotte sapranno risolvere la situazione per i cittadini, che da troppo tempo scontano forti disagi per queste inefficienze e che, in più, presto potrebbero anche essere costretti a pagare di più”, ha dichiarato Federico Cavallo, Responsabile Relazioni esterne di Altroconsumo.

“Da luglio dovrebbe essere possibile fare il passaporto negli uffici postali in tutta Italia: una soluzione che speriamo possa portare a un alleggerimento della pressione sulle Questure e un aumento delle opzioni per le persone. C’è da dire, però continua Cavallo che questa via aumenterà ulteriormente costi sostenuti dai cittadini italiani, che sono già tra i più alti d’Europa: il costo complessivo per il rilascio del passaporto salirà infatti di altri 14,20 euro, arrivando a ben 130,20 euro. A nostro avviso, lo Stato non dovrebbe scaricare sui cittadini i costi originati dalle proprie inefficienze: andrebbero per esempio anche valutate soluzioni come rendere i Comuni punti di accesso per fare il passaporto, come accade in altri Paesi europei. Infine, ricordiamo che i lunghi tempi di attesa non sono solo quelli per ottenere l’appuntamento, ma anche quelli per ricevere materialmente il passaporto: anche su questo continueremo a monitorare la situazione, chiedendo soluzioni e tempi certi da parte di chi ha la responsabilità di garantirle di fronte ai cittadini”.