Terremoto a Taiwan di magnitudo 7.4, almeno 9 morti e oltre 700 feriti

0
13

(Adnkronos) – E’ salito a 9 morti il bilancio delle vittime del violento terremoto di magnitudo 7.4 che oggi ha colpito Taiwan. Almeno 736 persone sono rimaste ferite. Lo ha comunicato il governo di Taipei. La maggior parte dei decessi sono avvenuti nella contea di Hualien, vicino all’epicentro del sisma. 

Oltre 127 sono le persone ancora intrappolate, quasi 80 delle quali nei tunnel stradali. Di questi ultimi, 77 sono intrappolati nei tunnel Jinwen e Qingshui sotto le montagne nella contea di Hualien, riferiscono i vigili del fuoco. Due cittadini tedeschi sono intrappolati nel tunnel Chongde, nel Parco Nazionale Taroko. Le restanti 50 persone sono intrappolate in quattro minibus che viaggiavano dal centro di Hualien al vicino parco nazionale Taroko, a nord della città, dove il terremoto ha causato i danni più gravi.  

Secondo le autorità, almeno tre delle vittime stavano facendo un’escursione nella gola di Taroko, una popolare destinazione turistica. Sono state colpite dalla caduta di massi mentre percorrevano il sentiero Dekalun, un canyon con pareti di marmo famoso per la sua bellezza naturale selvaggia. La quarta vittima è un camionista che è stato colpito dalla caduta di massi all’esterno di un tunnel sull’autostrada Suhua, un’importante autostrada che si snoda lungo le ripide scogliere della costa orientale di Taiwan, gravemente danneggiata dal terremoto. 

Il terremoto ha avuto conseguenze anche sulla fornitura di energia elettrica, con oltre 91.000 famiglie senza elettricità. La compagnia statale Taipower dell’isola sta attualmente lavorando per risolvere il problema. Alcuni collegamenti ferroviari nella parte orientale di Taiwan sono stati sospesi, ma si stima che saranno nuovamente operativi entro la fine della giornata. 

 

Secondo l’US Geological Survey il sisma è avvenuto alle 7:58 ora locale, 18 chilometri a sud-est di Hualien City, a circa 155 km a sud della capitale Taipei, ad una profondità di 34.8 chilometri. Il sisma è stato seguita da una seconda scossa di magnitudo 6.4 localizzata in mare, a 11 km a nord-est di Hualien City, ad una profondità di 11,8 km. 

 

Le potenti scosse hanno danneggiato almeno 97 edifici in tutta l’isola, di questi circa la metà si trovano nella contea di Hualien. Quattro edifici sono parzialmente crollati, ha detto l’amministratrice della contea Hsu Chen-wei in una conferenza stampa. I residenti di tre edifici sono stati evacuati, mentre le operazioni di ricerca e salvataggio continuano presso l’edificio Uranus di nove piani, che pende a destra dopo il crollo del piano terra, ha detto Hsu. 

I video pubblicati dai residenti sui social mostrano nella contea orientale di Hualien, diversi edifici crollati e residenti che aiutavano le persone intrappolate a fuggire attraverso le finestre di un complesso di appartamenti danneggiato. Un altro video di Hualien ha catturato un’enorme frana che scendeva dalla montagna, con nuvole di polvere marrone che inghiottivano una sezione della strada e gli edifici vicini. Nella capitale Taipei, nel nord dell’isola, un video mostrava un vagone della metropolitana che tremava violentemente, con i passeggeri che si aggrappavano saldamente alle maniglie. 

 

Secondo un portavoce dell’Amministrazione meteorologica centrale di Taiwan, si tratta de terremoto più forte degli ultimi 25 anni. Un sisma di magnitudo 7.3, noto anche come terremoto di Jiji, colpì l’isola nel 1999, uccidendo 2.400 persone e ferendone altre 10.000. 

 

Il terremoto ha attivato l’allerta tsunami a Taiwan, nel sud del Giappone e nelle Filippine, con onde inferiori a mezzo metro osservate lungo alcune coste. Tutti gli allarmi tsunami sono stati successivamente revocati. 

Secondo l’Amministrazione meteorologica centrale dell’isola, Taiwan dovrebbe essere colpita da scosse di assestamento nei prossimi tre o quattro giorni che potrebbero essere di magnitudo compresa tra 6.5 e 7.0.