Ucraina, Kiev chiede ‘istruttori’ Nato. Usa dicono no

0
22

(Adnkronos)
I paesi membri della Nato si avvicinano all’invio di truppe in Ucraina. L’obiettivo dell’Alleanza è mandare istruttori per addestrare le forze armate di Kiev impegnate da oltre 2 anni nella guerra contro la Russia. E’ lo scenario che prospetta il New York Times, evidenziando che la decisione che potrebbe avvicinare Stati Uniti e Europa ad un coinvolgimento più diretto nel conflitto. 

 

Il quotidiano americano fa riferimento ad una richiesta esplicita avanzata dall’Ucraina. Nelle ultime settimane, la situazione sul campo è peggiorata decisamente per il paese guidato dal presidente Volodymyr Zelensky, costretto a fare i conti con la carenza di uomini e in attesa dell’arrivo di tutte le armi che gli Stati Uniti si sono impegnati a inviare con l’ok al maxi pacchetto da 61 miliardi di dollari. 

Kiev, quindi, ha chiesto agli Usa e alla Nato aiuto determinante per l’addestramento di 150mila nuove reclute, destinate a rinforzare i reparti al fronte in tempi brevi. Kiev, come è noto, ha da poco varato una nuova legge che consente di mobilitare decine di migliaia di uomini di 25-26 anni. Alla richiesta, secondo il New York Times, gli Stati Uniti finora hanno risposto in maniera negativa. Il quadro però è destinato a cambiare, come afferma il generale Charles Q. Brown Jr., Capo di Stato maggiore congiunto delle Forze armate : “Ci arriveremo nel tempo”. 

Ora, aggiunge rispondendo ai reporter nel volo verso Bruxelles, inviare personale significherebbe “mettere in pericolo un gruppo di istruttori Nato” e costringerebbe a usare sistemi di difesa per proteggere i tranier e non vitali infrastrutture in aree critiche del paese. 

 

Nell’ambito della Nato, oltretutto, gli Usa sarebbero chiamati a contribuire alla difesa da eventuali attacchi nei confronti degli istruttori: vorrebbe dire, in sostanza, coinvolgimento nella guerra. Finora, gli Usa hanno partecipato ad attività di addestramento degli ucraini in America, in Polonia e in Germania. Il trasferimento dei reparti di Kiev all’estero, però, rallenta le operazioni. Contemporaneamente, l’addestramento condotto autonomamente dall’Ucraina non si starebbe rivelando particolarmente efficace. 

Il tema dell’invio di soldati Nato in Ucraina è tornato d’attualità con le recenti dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron, che da febbraio prospetta un’ipotesi che non può essere esclusa a priori. “Nulla può essere escluso”, ha detto Macron, evidenziando in ogni caso che l’invio sarebbe legato a due condizioni imprescindibili: lo sfondamento della linea del fronte da parte della Russia e l’esplicita richiesta da parte di Kiev. 

Lo scenario è stato scartato in maniera esplicita da quasi tutti gli altri leader: Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, ha detto e ripetuto che nessun soldato americano metterà piede in Ucraina. 

In Europa, alcuni paesi hanno assunto una linea diversa, in particolare dopo l’annuncio di Vladimir Putin: il presidente russo dieci giorni fa ha preannunciato esercitazioni con armi nucleari, che potrebbero anche andare in scena al confine con l’Ucraina. 

A stretto giro a Lituania non ha escluso l’invio di truppe per favorire l’addestramento delle forze armate ucraine. L’Estonia si è spinta oltre, prospettando la presenza di propri soldati nell’Ucraina occidentale, lontano dal fronte e dal cuore del conflitto, per consentire a Kiev di aumentare il numero di uomini in prima linea.