Ucraina-Russia, il piano di Trump per fermare la guerra

0
71

(Adnkronos) – Donald Trump è convinto di poter porre fine alla guerra tra Ucraina e Russia. Se diventerà nuovamente presidente degli Stati Uniti a novembre, con le elezioni per la Casa Bianca, pensa di poter centrare l’obiettivo convincendo l’Ucraina a cedere una parte del proprio territorio. E’ lo scenario che delinea il Washington Post, sulla base di informazioni fornite da persone a conoscenza del ‘piano’. 

Nel dettaglio, secondo il quotidiano, la proposta di Trump prevede che l’Ucraina accetti la cessione della Crimea e del Donbass. Un simile approccio, che sarebbe stato già discusso dall’ex presidente in meeting riservati con i propri consiglieri, rappresenterebbe un’inversione a U rispetto alla linea seguita sinora dall’amministrazione del presidente Joe Biden. 

 

Negli ultimi mesi, Trump si è più volte detto convinto di avere una soluzione rapida per porre fine al conflitto: “Si arriverebbe alla pace in 24 ore”, ha detto e ripetuto, suscitando le reazioni stizzite soprattutto del presidente ucraino Volodymyr Zelenksy, che ha invitato il tycoon in Ucraina e lo ha esortato a verificare in prima persona, con una visita al fronte, la disponibilità di Vladimir Putin a negoziare. 

A marzo, in una delle interviste più recenti, il magnate ha affermato: “Direi determinate cose a ognuno di loro, non le direi al resto del mondo ed è per questo che non posso dire di più”. 

 

In privato, secondo il Washington Post, Trump ha affermato che Russia e Ucraina “vogliono salvare la faccia ma vogliono una via d’uscita”. Secondo l’ex presidente, che ha come obiettivo l’indebolimento del legame tra Russia e Cina, la popolazione che vive in alcune zone dell’Ucraina accetterebbe di buon grado il passaggio sotto l’autorità e il controllo di Mosca. 

Un accordo su queste basi, hanno evidenziato alcuni tra i sostenitori di Trump, finirebbe per legittimare l’aggressione russa e l’approccio di Putin. “Ho passato il 100% del mio tempo a parlare di Ucraina con Trump”, ha detto il senatore repubblicano Lindsey Graham. Putin, dice, “deve pagare un prezzo: non può uscire vincitore da tutto questo” 

La Russia ha annesso territori sottratti all’Ucraina nella guerra iniziata oltre 2 anni fa spingendosi oltre il Donbass. Zelensky sinora ha sempre affermato che l’Ucraina non accetterà un sacrificio territoriale come epilogo del conflitto e ha fatto ripetutamente riferimento alla Crimea come obiettivo da riconquistare. 

 

Ufficialmente, la campagna di Trump non conferma il piano. “Ogni ipotesi relativa al piano del presidente Trump arriva da fonti anonime e non informate che non hanno idea di cosa succede e di cosa accadrà. Il presidente Trump è l’unico che parla di fermare le uccisioni”, dice la portavoce della campagna, Karoline Leavitt, in un comunicato. 

La figura di Trump è già centrale a oltre 6 mesi dalle elezioni, come dimostra l’opposizione di un’ala del partito repubblicano a dare l’ok a ulteriori aiuti all’Ucraina. Kiev aspetta il sì del Congresso al pacchetto da 60 miliardi di dollari fermo da mesi a Washington. Il Senato ha dato luce verde, ma la Camera dei Rappresentanti non ha ancora avviato l’iter. 

Zelensky ribadisce quotidianamente l’importanza vitale delle forniture dai partner occidentali e lo stop agli aiuti americani sta avendo conseguenze evidenti sul teatro di guerra: l’Ucraina è stata costretta a ripiegare e a ritirarsi a est, mentre giorno dopo giorno la Russia martella le città – con Kharkiv in particolare nel mirino – con raid sempre più intensi.